• Home
  • Cause e Sintomi

I Sintomi della parodontite

La parodontite è una malattia che genera vari tipi di sintomi e che si manifesta con diverse varianti di gravità: non tutte le parodontiti sono uguali, e se alcune sono più aggressive altre invece sono più controllabili (e, se non trattate adeguatamente, sono quasi sempre soggette a peggioramenti). Per questo motivo i dentisti hanno creato dei sistemi di classificazione della malattia, che aiutano a individuare rapidamente la gravità della malattia parodontale e la terapia più efficace da attuare.

A fine 2018 però la storica classificazione (risalente al 1999) ha subito delle modifiche che hanno reso il sistema tassonomico da una parte più semplice, e dall’altra più preciso. Senza troppi tecnicismi, cerchiamo di spiegare in cosa consiste questa classificazione e quali sono state le modifiche più rilevanti.

La vecchia classificazione

La precedente classificazione, elaborata dal dr.Armitage e istituita nel 1999, distingueva fino a 5 tipologie di parodontite, partendo dalle semplici lesioni gengivali fino alle parodontiti necrotizzanti. In mezzo a queste si trovavano la parodontite cronica e la parodontite aggressiva, che a loro volta si suddividevano in localizzata e generalizzata, basandosi sul numero dei denti che presentavano una perdita di supporto.

Le problematiche riguardanti questo tipo di classificazione erano legate, per prima cosa, ai criteri spesso non oggettivi con cui i casi venivano riconosciuti nelle varie tipologie; in secondo luogo, poteva creare distinzioni superflue, ad esempio tra due casi che trovandosi su due tipologie diverse, presentavano gli stessi sintomi e richiedevano la stessa terapia.

Come viene classificata adesso la parodontite?

La nuova classificazione invece ha un sistema più snello, suddividendo l’infezione parodontale in 4 stadi che dipendono dalla gravità della malattia. Il fattore principale da cui dipende lo stadio della malattia è la perdita di attacco dei denti. Gli stadi sono così suddivisi.

  • stadio 1 - parodontite iniziale: si tratta di uno stadio molto arretrato della malattia, in cui non ci sono state perdite dei denti causate dalla parodontite. Per essere in questo stadio, e quindi per essere considerato un paziente affetto da parodontite, bisogna avere almeno due siti non adiacenti che presentano perdita dell’attacco. Nel sito con maggior perdita, le tasche non devono essere più profonde di 4 millimetri.
  • stadio 2 - parodontite moderata: anche in questo caso non ci sono perdite dei denti causati dalla parodontite. Molto simile allo stadio 1, ma in questo caso la profondità delle tasche supera i 4 mm.
  • stadio 3 - parodontite grave: in questo stadio ci sono i casi in cui il paziente ha perso per cause parodontali meno di 4 denti. Da questo stadio in poi sono richiesti degli interventi più invasivi sul paziente.
  • stadio 4 - parodontite avanzata: prevede una perdita di 4 denti o più, e tasche con una profondità maggiore. Necessita di una riabilitazione completa da parte del paziente, poiché in questi casi i denti perdono spesso la loro funzione. Dopo la terapia parodontale, potranno essere inserite le protesi.

I vantaggi della nuova classificazione

Oltre agli stadi, viene inserita una ulteriore divisione in gradi, per decretare la probabilità di progressione della malattia, e dei fattori di rischio specifici che possono comportare lo slittamento ad uno stadio di gravità maggiore. Insieme agli stadi, sono queste le maggiori modifiche apportate dal nuovo sistema di classificazione, tutte basate su un unico assunto: basarsi su dati oggettivi (il numero di denti persi, la profondità delle tasche) per inserire il caso nello stadio e nel grado specifico. Questo permette di individuare fin da subito la gravità della malattia parodontale e di intervenire al più presto con una terapia mirata.

Abbiamo cercato di semplificare al massimo il sistema di classificazione della parodontite, che ovviamente prevede altre variabili molto più tecniche e specialistiche. Infatti, per quanto la classificazione abbia semplificato l’individuazione della malattia, la raccolta dei dati necessari per riconoscere a quale stadio sia una parodontite deve essere effettuata con strumenti specifici da un professionista. Quindi il consiglio è, in caso di problemi legati all’infezione parodontale, di rivolgervi a un dentista, meglio se specializzato nella cura della parodontite.

Alitosi o Alito cattivo, perchè si risolve con le sedute Laser

Alitosi o Alito cattivo, perchè si risolve con le sedute Laser

L'alito cattivo è un disturbo sgradevole non solo per chi ci sta attorno, ma anche e soprattutto per i diretti interessati, essendo causa di imbarazzo sociale, anche grave (esiste perfino una fobia specifica!).

Dalla Salute alla Piorrea (tutte le fasi dell'infezione)

Dalla Salute alla Piorrea (tutte le fasi dell'infezione)

La malattia parodontale o parodontite, meglio nota anche come piorrea, è un'infezione batterica, che è diversa dalle altre malattie infettive che possono colpire il nostro corpo. È diversa perché è polimicrobica, quindi è causata da una grande quantità e tipi di batteri.

I sintomi della parodontite: mobilità dentale, ascessi e alitosi

I sintomi della parodontite: mobilità dentale, ascessi e alitosi

La salute orale è purtroppo un dovere spesso trascurato, o ridotto al solo effetto estetico anche se in primo luogo la cura della zona orale è una questione di funzionalità e benessere.

Malattia parodontale cos'è e come si riconosce

Malattia parodontale cos'è e come si riconosce

La malattia parodontale, detta anche parodontopatia o parodontosi, è uno stato patologico infiammatorio, che colpisce il parodonto. Quest'ultimo è l'insieme delle strutture di sostegno del dente, che lo mantengono attaccato all'osso.

Sensibilità dentale Gonfiore Gengivale Sanguinamento gengive

Sensibilità dentale Gonfiore Gengivale Sanguinamento gengive

Problemi come la sensibilità dentale, il sanguinamento delle gengive, il gonfiore gengivale, o la comparsa di ascessi sono i sintomi di un'infiammazione dell'apparato stesso.

Fumo e parodontite

Fumo e parodontite

Per quanto riguarda la malattia parodontale, esistono numerosi fattori di rischio che influiscono sulla sua comparsa e sulla sua gravità: la scarsa igiene orale, ad esempio, è la causa della creazione di un ambiente prospero per i batteri che causano l’infezione.

La parodontite è contagiosa?

La parodontite è contagiosa?

Una domanda che spesso viene posta a noi dentisti è se l’infezione parodontale sia o meno contagiosa. Quindi, se la parodontite si possa diffondere tramite contatto, o con un bacio, o bevendo dallo stesso bicchiere.

Non solo denti e gengive

Non solo denti e gengive

La parodontite è un’infezione che, come è noto, attacca i denti e le gengive, causando anche, se non trattata a dovere, gravi perdite degli elementi dentali. Ma le conseguenze della parodontite non si limitano alla bocca. Infatti l’infezione può avere anche delle ripercussioni sulla salute dell’intero organismo.

Perchè Scegliere la Terapia Laser Assistita
Per trattare la parodontite

Preserva i tuoi denti

Un solo obiettivo: cercare di preservare per quanto possibile la salute dei tuoi denti naturali.

Minore Invasività

Nella maggior parte dei casi si interviene senza chirurgia, spesso anche in assenza di anestesia

Verifica della guarigione

I risultati della terapia vengono valutati in modo oggettivo per dare certezze ai nostri pazienti

Hanno parlato di noi

Ecco alcune testate giornalistiche che hanno parlato di noi

Fai il primo passo Inizia Ora
Il tuo percorso

Nessun problema! abbiamo inserito un modulo contatti dedicato alle domande dei nostri pazienti. Ti basterà cliccare qui sotto e ottenere la risposta che stai cercando!

Nel sito non trovi la risposta alle tue domande?

Dentista Bologna

Microdent Dental SPA Via Giuseppe Massarenti 412/2G - 40138 Bologna

Tel. 051 6232040

Dr. Simone Stori Iscritto all'Ordine degli Odontoiatri di Bologna numero 1575 P.IVA 07217640726 Copyright © Microdent 2019

Dott. Simone Stori – Dentista Bologna – Esperto Cura della parodontite

Perchè facciamo questo lavoro?

Perchè riteniamo che tutti abbiano il diritto di masticare e sorridere possibilmente con i propri denti…nella massima serenità.